L’Innovazione di Noxamet

La significatività dell’Innovazione apportata da Noxamet

 

L’innovazione significativa rispetto ai farmaci tradizionalmente utilizzati è rappresentata dalle proprietà di rilascio controllato di NO da parte di questi particolari pro-farmaci.

 

I metallo-nonoati rappresentano una significativa innovazione nel panorama scientifico globale, in quanto questi composti sono due ordini di grandezza più potenti e di efficacia più prolungata rispetto agli attuali donatori di NO.

 

Caratterizzazione chimica

Le caratteristiche peculiari dei metallo-nonoati, oltre alla modulazione del rilascio di NO, sono:

  • Precisione – in quanto essi rilasciano 2 mol di NO in maniera controllata.
  • Efficacia – il rilascio di NO avviene grazie alla reazione con l’acqua.
  • Praticità e stabilità – il prodotto è stabile a temperatura ambiente e può essere facilmente maneggiato e trasportato.
  • Versatilità – sono ingegnerizzabili vari composti con differenti cinetiche di rilascio di NO.
  • Assenza di tossicità – i risultati dei test preclinici saranno presto disponibili online

 

Meccanismo di azione dei Metallo-nonoati

I metallo-nonoati sono caratterizzati dalla particolare proprietà di rilasciare NO in maniera controllata. Questa fondamentale caratteristica permette loro di agire come vasodilatatori  nel trattamento clinico di molte patologie; le più importanti sono: ipertensione, aterosclerosi, complicazioni diabetiche e vascolari, cancro, ipertensione e broncopneumopatia cronica ostruttiva polmonare.

I metallo-nonoati sono principalmente indirizzati al trattamento delle malattie cardiovascolari, soprattutto ipertensive, in quanto NO è coinvolto nella regolazione dell’omeostasi cardiovascolare.

Giocando un ruolo significativo come mediatore dello stress ossidativo, ha proprietà antiinfiammatorie e, più generalmente, è impiegato nella risposta immunitaria – grazie alla sua azione battericida e antineoplastica.

 

Competitors dei Metallo-Nonoati

I metallo-nonoati, essendo una nuova classe di molecole, non ha competitor diretti: si considerano competitor le altre molecole che rilasciano NO, detti nitro-vasodilatatori.

 

Negli ultimi anni pochissimi nitro-vasodilatatori sono stati introdotti in terapia e i vecchi farmaci soffrono di importanti e limitanti effetti collaterali.

Noxamet ha sviluppato nuovi metallo-nonoati che rilasciano NO in modo controllato, in funzione del metallo e del residuo a cui è legato il gruppo nonoato.

Inoltre, un grande svantaggio degli altri nitro-vasodilatatori è dato dalla grande quantità di risorse che devono essere impiegate per preservare la stabilità dei composti e per permetterne lo stoccaggio – che peraltro necessita di essere continuamente rinnovato a causa della bassa emivita.

In commercio sono presenti circa quaranta specialità medicinali, a vari livelli di prezzo e in diverse formulazioni, i cui principi attivi rientrano nella classe dei nitro-vasodilatatori periferici.

Essi, (Nitroglicerina, Pentaeritritiletetranitrano, Isosorbidedinitrato, Isosorbidemononitrato e Sodio nitroprussiato), sono utilizzati nella prevenzione dell’angina pectoris e dell’infarto del miocardio, nel controllo cronico dell’ipertensione e nella terapia delle crisi ipertensive in condizioni di emergenza.

Vi sono altri principi attivi appartenenti ad altre classi farmacologiche presenti in commercio per il trattamento dell’ipertensione, principalmente: ACE inibitori, Sartani, Inibitori della Renina, Diuretici, Antagonisti dello Spironolattone, calcio-antagonisti, β-bloccanti, etc.

 

Attività fitofarmaceutica dei MetalloNonoati

NO è anche un importante mediatore della risposta immunitaria nelle piante; esso è prodotto endogenamente, seppure in quantità insufficienti per proteggere la pianta contro una grande varietà di agenti patogeni, microbici e fungini.

L’uso di donatori di NO, migliora le risposte naturali di difesa delle piante, permettendo una drastica riduzione dei composti chimici ad effetto tossico che sono correntemente utilizzati nell’agroindustria.